Agosto 2015

23.08.2015 14:33

Eliminare il senso dell' 'io' e del 'mio'


“L'unione con il Sé (Atmatattva) può venir realizzata soltanto se si elimina il sentimento dell' 'io' e del 'mio’. Oggi molti si sforzano di farlo ma i loro tentativi non hanno successo perché non sono capaci di liberarsi di tale sentimento che è di fatto l'ostacolo alla realizzazione del Sé. Prima di tutto dovete eliminare il senso dell' 'io' (ego). Solo allora sorgerà la realizzazione. Anche il simbolo religioso della Cristianità rappresenta questo taglio dell'ego. L'affermazione egocentrica dell' 'io' è la causa fondamentale di tutte le sofferenze, agitazioni e difficoltà. Questa verità va compresa ed anche il senso del 'mio' è da eliminare. Quando un insegnante prova il sentimento 'questi sono tutti miei discepoli' l'ego solleverà la testa. Quindi il senso dell' 'io' e del 'mio' deve essere eliminato; soltanto allora si potrà realizzare “l'Unione con il Sé”.

Questo semplice insegnamento, miei cari studenti Sathya Yoga, è il più tradizionale che ci sia, è uno tra i più celebri  e antichi per indicare la vera causa della mancata Liberazione o Illuminazione di ogni aspirante. Pochi però si accorgono che in questo insegnamento Tradizionale, vi è celata una speciale contraddizione.

Quale?

Da un lato si ammette la realtà e l’esistenza dell’ego, “io e mio”, il problema di tutti gli aspiranti e dall’altra si invita a lasciarlo, eliminarlo, tagliarlo, per raggiungere  l’unione con il Sé.

Ma vi è una impossibilità che impedisce questa azione! L’impossibilità è data dal fatto che l’ego ed  è di per sé inesistente. Non c’è niente che si chiami così nella realtà. Non è mai esistita una cosa chiamata ego o individualità. Come puoi quindi eliminare qualcosa che non esiste? Impossibile!

E’ l’uomo che ha creato, pensando di avere una individualità tutta una serie di problemi nella Ricerca e nello Yoga. Lo Yoga infatti, nasce per l’uomo che ha confuso , dimenticato e travisato una cosa tanto semplice. Nessuna individualità è mai esistita. Non c’è nessun individuo perché tutto è Brahman. Tutto è il Sé. Ovunque vi è solo Dio.

L’ego di per sé è una pura illusione che non ha basi effettive, non sussiste. Assomiglia ad un miraggio. Tutti sanno che un miraggio è inesistente eppure in certe particolari condizioni, sembra reale, sembra vero.

Così è per l’ego che in particolari condizioni, come il sonno sembra vero, ma basta svegliarsi e il miraggio è dissolto o meglio non è mai esistito nella realtà, quindi nulla è da dissolvere veramente.

Ed è proprio per questo motivo che la maggior parte degli aspiranti ad un certo punto entra in conflitto tra sé e sé. Sta cercando di seguire l’insegnamento, quello  che invita all’estinzione dell’ego, ma non ci riuscirà mai, per il semplice fatto che sta dando la caccia ai fantasmi. Come puoi liberarti da qualcosa che non c’è? Impossibile!

Tutto è Brahman, tutto è il Sé, ovunque vi è solo Dio.

Sri Yogi Pranidhana

Indietro

Contatti

Accademia Sathya Yoga

Sede Centrale
338.7053573

© 2013 Tutti i diritti riservati.

Powered by Webnode